Jacques Lacan, psicanalista e filosofo francese, riteneva che le contestazioni giovanili del ’68 avessero demolito l’autorità simbolica del padre nella vita della famiglia e in quella della società. La sua previsione era che il vuoto lasciato dal padre venisse colmato dal carattere feticistico delle merci, dall’oggetto di consumo. La previsione era corretta ma in quel Maggio, Fabrizio De André resiste come un’anomalia, come l’eccezione che fu: un padre-testimone che irriga oggi nuovi narrazioni. De André#De André. Storia di un impiegato è una di quelle narrazioni. È la storia di un disco che si fa spettacolo teatrale e poi cinema. È la storia di un figlio che interroga il padre e il suo patrimonio rintracciando la loro intimità, i loro fantasmi, i loro ricordi.
 
 

ORARI:

LUNEDI 25/10: 20.00

MARTEDI 26/10 20.00

MERCOLEDI CHIUSO PER RIPOSO

GIOVEDI’ CHIUSO PER RIPOSO

VENERDI

SABATO

DOMENICA